Imp. Riciclo su Resine Galvaniche


L'industria galvanica è oggi tra le varie industrie una delle più importanti e delle più largamente diffuse.

Gli effluenti di dette industrie sono tra i più nocivi che si conoscano, a causa delle caratteristiche chimico-fisiche degli effluenti stessi, che contengono  sostanze  estremamente  tossiche;  si  possono raggruppare nelle seguenti categorie:

- acque alcaline, provenienti dai lavaggi successivi alle operazioni di sgrassaggio: possono contenere metalli, agenti tensioattivi e sostanze grasse;
- acque acide, provenienti dai lavaggi successivi alle operazioni di decapaggio e passivazione; possono contenere metalli e speciali prodotti di composizione sconosciuta e di natura organica;
- acque cromiche, provenienti dai lavaggi successivi alle operazioni di cromatura
- acque con cianuro provenienti da lavaggi dopo bagni di ottone e rame;
- acque di lavaggio.

Il processo di depurazione consiste nell'eliminazione di tutte le sostanze contenenti carica positiva (metalli) e negativa (sali) presenti nell'acqua attraverso il passaggio del refluo su colonne a resine a scambio ionico cationiche ed anioniche.

La resina può essere visualizzata come una serie di nuclei con tanti siti di scambio ai quali sono attaccati tanti ioni H (per la resina cationica) e OH (per la resina anionica). Al passaggio dell'acqua i cationi (metalli) restano attaccati ai siti scambiandosi con tanti H ed i sali si scambiano con tanti OH.

L'acqua da trattare viene quindi fatta passare attraverso la resina sino a quando tutti i siti di scambio disponibili sono saturati ed il contaminante che si vuoi rimuovere comincia ad essere rilevato nell'effluente tramite un rilevatore di conducibilità (il valore è misurabile nel momento in cui nelle acque dei trovano dei sali).

A questo punto si interrompe il trattamento ed i letti di resina vengono rigenerati facendovi passare una soluzione concentrata di acido sulla resina cationica e di soda sulle resine anioniche: l'impianto è quindi pronto per un nuovo ciclo di trattamento.

Le soluzioni acide ed alcaline provenienti dalle rigenerazioni vengono raccolte e successivamente trattate con un impianto di tipo chimico-fisico.