ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO – Decreto Legislativo 31 del 2001

Di seguito riportiamo i parametri chimico-fisici e microbiologici con una breve descrizione di:

  • Che cosa è: definizione del parametro
  • Il limite di legge: valori definiti sulla base delle direttive del Decreto Legislativo 31 del 2001
  • Che cosa indica: capire ed interpretare i risultati
  • Cosa fare in caso di fuori parametro: con utili suggerimenti ed informazioni in caso di risultati anomali

Che cosa è:

Il pH indica l’acidità o l’alcalinità dell’acqua. E’ misurato su una scala di valori compresi tra 0 e 14 unità.

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):

Compreso tra 6.5 e 9.5 unità.

Che cosa indica:

Il pH è un parametro di base che indica se l’acqua è inquinata da acidi o da basi forti.

Cosa fare in caso di fuori parametro:

Alterazioni importanti del pH possono essere indice di contaminazione chimica e/o microbiologica. In caso di alterazioni importanti dei valori del pH (minore di 2-3 unità o maggiore di 12 unità) sarà necessario controllare sia l’acqua al contatore (richiedendo i dati all’ASL o all’acquedotto) sia la vostra rete idrica interna. Se avete impianti di trattamento/depurazione accertatevi che funzionino bene: cartucce esaurite e non ben calibrate potrebbero alterare il pH dell’acqua.

Che cosa è:
Il pH indica l’acidità o l’alcalinità dell’acqua. E’ misurato su una scala di valori compresi tra 0 e 14 unità.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
Compreso tra 6.5 e 9.5 unità.

 

Che cosa indica:
Il pH è un parametro di base che indica se l’acqua è inquinata da acidi o da basi forti.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Alterazioni importanti del pH possono essere indice di contaminazione chimica e/o microbiologica. In caso di alterazioni importanti dei valori del pH (minore di 2-3 unità o maggiore di 12 unità) sarà necessario controllare sia l’acqua al contatore (richiedendo i dati all’ASL o all’acquedotto) sia la vostra rete idrica interna. Se avete impianti di trattamento/depurazione accertatevi che funzionino bene: cartucce esaurite e non ben calibrate potrebbero alterare il pH dell’acqua.
Indica l’abbondanza di ioni calcio (Ca2+) e magnesio (Mg2+) nell’acqua.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
Tra 15 e 50°F (gradi francesi)

 

Che cosa indica:
La durezza è un parametro che esprime il contenuto totale di alcuni sali nell’acqua, principalmente il carbonato di calcio (CaCO3) e il carbonato di magnesio (MgCO3). L’unità di misura della durezza è il grado francese (°F) che equivale a 10 milligrammi di carbonato di calcio per litro d’acqua. A meno che non vi siano indicazioni mediche particolari, le acque che presentano valori compresi nell’intervallo consigliato dal D. Lgs 31/2001 sono adatte per il consumo umano.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Riscontrare un valore di durezza fuori dall’intervallo previsto dalla legge non comporta un’irregolarità, perché è un parametro indicativo e non restrittivo. Se desiderate ridurre la durezza dell’acqua potreste installare un addolcitore. E’ importante tuttavia non ridurre eccessivamente il contenuto di sali di calcio e magnesio soprattutto per persone con stile di vita dinamico, sportivi ed anziani che soffrono di osteoporosi.

Che cosa è:
La conducibilità elettrica è un parametro che indica il contenuto di sali disciolti nell’acqua. Si parla di conducibilità elettrica poiché i sali in acqua si trovano come ioni carichi e come tali consentono il passaggio di corrente nell’acqua stessa.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La conducibilità elettrica non deve superare i 2500 µS/cm a 20°C

 

Che cosa indica:
La conducibilità elettrica dell’acqua aumenta proporzionalmente alla qualità di sali disciolti in acqua: quanto maggiore è la quantità di sali disciolti in essa, tanto più alta è anche la conducibilità elettrica dell’acqua. In generale è bene non superare i valori fissati per legge sia per l’idoneità al consumo umano sia per garantire un buon sapore dell’acqua stessa.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Ogni acqua presenta valori di conducibilità elettrica caratteristici, legati ai sali in essa disciolti. Difficilmente lo stato dell’impianto idrico domestico influisce sul valore di tale parametro. Se avete tubazioni metalliche è bene sottolineare che un’acqua con bassa conducibilità può favorire la formazione di ruggine. Al contrario una conducibilità elevata non determina problemi alle tubazioni a meno che non raggiunga livelli elevati da causare depositi di sale. In caso di riduzione della conducibilità dell’acqua (quantità di sali disciolti) il sistema da installare è l’osmosi inversa; se è ad uso domestico specifico per il punto d’uso il sistema è ad osmosi inversa sottolavello.

Che cosa è:
Esprime il grado di mineralizzazione dell’acqua, cioè il quantitativo di sostanza solida perfettamente secca che rimane dopo aver fatto evaporare una quantità nota di acqua.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
Il valore massimo previsto per le acque destinate al consumo umano è pari a 1500mg/l.

 

Che cosa indica:
Generalmente questo parametro viene utilizzato per classificare il livello di mineralizzazione dell’acqua; in base al suo valore si distinguono acque minimamente mineralizzate (fino a 50 mg/l), oligominerali (fino a 500 mg/l), mediamente mineralizzate (fra 500 e 1500 mg/l) e ricche di sali (oltre 1500 mg/l).

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Il residuo fisso di un’acqua è legato alla sua origine e alle rocce lungo le quali passa per raggiungere la falda. Un elevato valore di residuo fisso non è quasi mai associato a contaminazioni di natura chimica ma ha un origine naturale.
Se desiderate ridurre i valori di residuo fisso potreste usare sistemi di filtrazione oppure metodi di trattamento ad osmosi inversa; se è ad uso domestico specifico per il punto d’uso si adottano sistemi a microfiltrazione e ad osmosi inversa sottolavello. Fate attenzione a non esagerare ed impoverire eccessivamente l’acqua di sali. Va inoltre specificato che acque con residuo fisso medio ed elevato sono adatte a sportivi e persone dinamiche che perdono molti sali minerali nelle attività quotidiane. Non vi è inoltre alcuna relazione tra residuo fisso dell’acqua e calcolosi renale.

Che cosa è:
Nell’acqua destinata al consumo umano possono essere presenti diverse forme di cloro, tra cui il cloro libero e quello combinato ovvero capace di legarsi con altre molecole chimiche. In generale il cloro libero deriva dai processi di disinfezione delle acque in cui si utilizzano prodotti a base di cloro, tra cui cloro gassoso (Cl2), ipoclorito di sodio (NaClO) e di calcio (CaClO).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La legge stabilisce un limite per il solo cloro libero pari a 0,2 mg/l.

 

Che cosa indica:
La presenza di cloro libero nell’acqua indica che è stato effettuato un trattamento di disinfezione dell’acqua al fine di garantire una buona qualità microbiologica sino al vostro rubinetto.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Raramente nelle acque destinate al consumo umano il valore di cloro libero supera il quantitativo di 0,2 mg/l; malgrado ciò il cloro resta una delle principali preoccupazioni dei consumatori che affermano di avere un’acqua con un grande quantitativo di cloro. Va precisato che il cloro libero è molto volatile ed ha un odore persistente quindi in un bicchiere d’acqua appena erogato è possibile sentire un odore sgradevole anche se i quantitativi di cloro rientrano nei limiti di legge. E’ importante precisare che entro i limiti di legge il cloro non è tossico. Per ridurre la sua persistenza nell’acqua è sufficiente lasciarlo evaporare tenendo l’acqua in una brocca ampia per qualche minuto. In caso di valori fuori parametro si consiglia l’utilizzo di decloratori se le concentrazioni o le portate sono elevate, oppure un sistema a microfiltrazione ad uso domestico specifico per il punto d’uso.

Che cosa sono:
I Solfati (SO4-) sono composti contenenti Zolfo, spesso combinati con metalli pesanti (Zinco, Rame, Alluminio).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
I Solfati non devono superare i 250mg/l

 

Che cosa indicano:
La presenza dei solfati nelle acque può derivare da minerali presenti nel sottosuolo oppure da contaminazioni chimiche della falda e/o della rete di distribuzione.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Difficilmente una contaminazione da Solfati può essere associabile ad alterazioni della vostra rete domestica o condominiale; pertanto se riscontrate valori fuori parametro è opportuno verificare la qualità dell’acqua fornita dall’acquedotto (analisi al contatore o ai punti di rete).
Nel caso di valori fuori parametro per acque di pozzi/sorgenti verificate che non vi siano contaminazioni fognarie o industriali (es. presenze di aziende chimiche limitrofe).

Che cosa sono:
I Cloruri sono composti inorganici contenenti cloro. Il principale cloruro è il sale da cucina (cloruro di sodio) ma ne esistono anche altri come il Cloruro di Alluminio, di Calcio e di Potassio.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
I Cloruri non devono superare i 250mg/l

 

Che cosa indicano:
Indicano la presenza di sali di cloro nell’acqua. Il valore di cloruri può essere elevato in aree marittime costiere a causa della presenza di acque salate (acque salmastre) oppure nel caso di contaminazioni chimiche di natura antropica.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Elevate concentrazioni di Cloruri conferiscono all’acqua odore e sapore sgradevoli, ma in genere non sono tossici per l’uomo. Difficilmente un’eccessiva quantità di cloruri può derivare da alterazioni della rete idrica interna, pertanto in caso di valori fuori parametro è importante verificare la qualità dell’acqua fornita dall’acquedotto (analisi al contatore o ai punti di rete).
Se l’acqua che avete analizzato proviene da pozzi o sorgenti private e riscontrate valori elevati di cloruri verificate che non vi siano contaminazioni di origine chimica proveniente da aziende o semplicemente da aree salmastre limitrofe.
Il sistema di trattamento da adottare in questo caso è l’osmosi inversa

Che cosa sono:
I Nitrati (NO3-) e i Nitriti (NO2-) sono composti inorganici che contengono Azoto e Ossigeno

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
I Nitrati non devono superare i 50 mg/l.
I Nitriti non devono superare gli 0,50 mg/l.

 

Che cosa indicano:
Sono indici di contaminazione chimica di origine fognaria, agricola o industriale. Sono insapori ed inodori pertanto sono rilevabili soltanto eseguendo analisi periodiche sull’acqua.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
I Nitriti, se in concentrazioni elevate, sono nocivi perché ossidano l’emoglobina presente nei globuli rossi rendendola incapace di trasportare l’ossigeno. I soggetti più sensibili all’inquinamento da Nitriti sono i bambini e le donne in gravidanza. Se riscontrate valori elevati di nitriti è necessario adottare sistemi di trattamento capaci di ridurre tali contaminanti (sistemi di sanitizzazione ad ozono).
Sebbene i Nitrati siano meno pericolosi è opportuno che anche questi rispettino i limiti di legge. Raramente una contaminazione da Nitrati può derivare dalla rete idrica domestica o condominiale. E’ invece frequente che abitazioni in aree rurali che si approvvigionano da pozzi presentino valori di Nitriti/Nitrati eccessivi a causa prevalentemente di contaminazioni agricole. In queste condizioni è opportuno che adottiate soluzioni idonee a eliminare questa fonte di contaminazione agendo sull’impermeabilizzazione del pozzo oppure utilizzando sistemi di trattamento idonei (sistemi di sanitizzazione ad ozono).

Che cosa è:
L’alluminio è un metallo morbido e leggero molto diffuso sulla crosta terreste e ampiamente impiegato dall’uomo sia allo stato puro sia miscelato ad altri metalli (Rame, Zinco, Magnesio, Manganese e Silicio) a formare delle leghe

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La quantità massima di Alluminio nell’acqua non deve superare i 200 μg/l.

 

Che cosa indica:
L’Alluminio è presente naturalmente nell’acqua a causa del processo di scorrimento che porta gli elementi solubili del suolo, tra cui l’Alluminio, verso gli strati più profondi del suolo stesso. Un eccesso di tale metallo potrebbe tuttavia derivare dal processo di depurazione delle acque che richiedono Solfato di alluminio come agente coagulante. Attività antropiche industriali (estrazione, produzione di Alluminio metallico e suoi composti) possono provocare inquinamento delle acque superficiali e delle falde portando alla contaminazione dell’acqua potabile.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
L’Alluminio viene considerato un metallo a bassa tossicità, tuttavia è bene rispettare i limiti imposti dalla legge. E’ piuttosto improbabile che la rete domestica interna possa essere la fonte di contaminazione; sono invece più frequenti le contaminazioni di falde o di pozzi. In caso di valori fuori parametro è solo possibile agire installando sistemi di trattamento opportuni come l’osmosi inversa o sistemi basati su metodi di filtrazione selettiva.

Che cosa è:
L’arsenico è un metallo tossico che in natura si trova sia in forma organica, combinato con altri elementi, sia inorganica. Nelle acque si trova in tracce e soprattutto sotto forma di arsenico trivalente (As III) o pentavalente (As V).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La quantità di arsenico nell’acqua non deve superare i 10 μg/l.

 

Che cosa indica:
Elevati livelli di Arsenico indicano contaminazioni di natura chimica non ascrivibile alla rete di distribuzione, sia pubblica o privata, ma più probabilmente derivati da inquinamenti di falda. L’arsenico può derivare dalle rocce del sottosuolo ma è anche presente in pesticidi, erbicidi ed insetticidi.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Va precisato che sebbene si associ spesso l’Arsenico ad un potente veleno, valori al di sotto dei limiti di legge non provocano alcun problema alla salute dell’uomo o all’ambiente. In caso in cui la vostra acqua presenti valori di Arsenico al di sopra dei valori previsti dalla legge è necessario verificare la qualità dell’acqua distribuita dall’acquedotto e se vi sono deroghe in merito a tale parametro. E’ infatti improbabile che la contaminazione possa essere legata alla vostra rete domestica o a quella condominiale. Se i valori fossero molto al di sopra dei limiti di legge è consigliabile adottate sistemi di trattamento appropriati che consentano l’eliminazione di tale metallo come l’Osmosi inversa oppure con filtri dearsenificatori.

 

Nel caso in cui la contaminazione si riferisca ad acque di pozzo o sorgente è bene verificarne l’origine. L’Arsenico è principalmente emesso dalle industrie produttrici di Rame, ma deriva anche dalla produzione di Piombo e Zinco e dall’agricoltura
(l’Arsenico è infatti presente in numerosi erbicidi). Generalmente non è un elemento facilmente biodegradabile e risulta molto persistente nell’ambiente. In aree contaminate da arsenico si sconsiglia l’uso di acqua proveniente da pozzi privati.

Che cosa è:
Il Cromo è un metallo pesante molto reattivo che si può trovare nell’acqua sotto diverse
forme. La forma più pericolosa per la salute è il cromo esavalente (Cr VI).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
Il Cromo totale (ovvero la somma di tutte le diverse forme chimiche) non deve superare i 50 μg/l.

 

Che cosa indica:
La presenza di un eccesso di Cromo nelle acque può derivare o da tubazioni e rubinetterie cromate oppure da contaminazione chimica dell’acqua di falda di origine industriale (produzioni di acciaio inox, galvaniche, vernici e tinture).

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Difficilmente gli stabili moderni hanno tubazioni cromate pertanto è raro che una contaminazione da Cromo sia associabile alla rete domestica interna. Le tubazioni e i rubinetti in acciaio inox possono rilasciare Cromo in acqua ma generalmente in concentrazioni trascurabili e certamente non tali da raggiungere valori superiori a quelli stabiliti per legge.

 

Le rubinetterie cromate possono invece essere fonte di contaminazioni ma difficilmente esse determinano concentrazioni elevati di tale metallo nell’acqua.
Il ristagno d’acqua nelle tubazioni favorisce certamente il disciogliersi di tale metallo, pertanto nelle abitazioni datate e poco utilizzate è consigliabile far scorrere l’acqua prima di consumarla.
In caso di valori eccessivi di Cromo nell’acqua è probabile che si tratti di una contaminazione a monte del vostro sistema di tubazioni interno che interessa la rete idrica pubblica o la falda.

In caso di fuori parametro verificate con l’ente gestore la quantità di cromo nell’acqua fornita.
Se l’acqua che avete analizzato è di pozzo o di sorgente privata è necessario comprendere da dove può provenire la contaminazione ed in ogni caso adottare sistemi di trattamento ad osmosi Inversa adatto ad eliminare o ridurre tale metallo.

Che cosa è:
Il Ferro è un metallo comune che può essere presente in tracce nelle acque in seguito al
passaggio dell’acqua stessa attraverso minerali ricchi di tale metallo

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La quantità di Ferro presente nelle acque potabili non deve superare lo 0,2 mg/l.

 

Che cosa indica:
Un’eccessiva quantità di Ferro nell’acqua può indicare problemi nelle tubazioni della rete idrica interna oppure di pozzo/sorgente se si tratta di analisi eseguite su tale tipologia di acqua. Quantità elevate di ferro nell’acqua possono provocare problemi per la salute dell’uomo.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
In caso di valori elevati di ferro è necessario verificare la struttura della rete domestica interna soprattutto se questa è datata e costituita da tubazioni metalliche. Verificate inoltre la qualità delle rubinetterie anche se raramente possono rilasciare metalli ferrosi. Per eliminare tale metallo in caso di Ferro in sospensione è possibile adottare un buon sistema di filtrazione, mentre per il Ferro disciolto utilizzare un Filtro Deferizzatore.

Che cosa è:
Il Manganese è un metallo moderatamente reattivo che è presente naturalmente nel
suolo, nell’acqua e nell’aria sotto forma di piccole particelle.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
Il Manganese non deve superare i 0,05 mg/l.

 

Che cosa indica:
Il Manganese non è un elemento eccessivamente tossico per l’organismo tuttavia valori al di sopra dei limiti di legge rendono l’acqua non idonea al consumo umano. L’eccesso di manganese nelle acque può essere indice di una contaminazione della falda sia di natura agricola sia industriale.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Difficilmente valori eccessivi di Manganese possono essere legati al sistema idrico privato o alla rete condominiale; è invece più probabile che l’inquinamento possa derivare da contaminazioni della falda. Sebbene questo metallo non sia tra i più pericolosi per la salute si suggerisce di non consumare acque eccessivamente ricche di Manganese e di adottare sistemi di trattamento con un Filtro Deferizzatore.

Che cosa è:
Il Nichel è un metallo molto malleabile usato in diverse leghe anche quelle per le
rubinetterie.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La quantità massima di nichel nell’acqua non deve superare i 20 μg/l.

 

Che cosa indica:
La presenza di Nichel nell’acqua può derivare sia dalle rubinetterie di casa, sia da contaminazioni esterne alla rete privata.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Spesso le rubinetterie della abitazioni sono costituite da leghe contenenti Nichel. Acque aggressive (leggermente acide e con bassa durezza) possono corrodere le rubinetterie di casa incrementando la quantità di nichel rilasciata nell’acqua; è tuttavia raro che si raggiungano contaminazioni tali da superare i limiti di legge. Se si riscontrano valori leggermente al di sopra dei limiti di legge è tuttavia consigliabile verificare lo stato delle tubazioni e delle rubinetterie di casa. Valori di molto al di sopra della soglia sono invece più probabilmente associabili a contaminazioni esterne di natura industriale.

 

In caso di valori elevati di tale metallo è consigliabile dotarsi di sistemi di trattamento domestico idonei alla sua rimozione al punto d’uso come l’Osmosi inversa sottolavello. Se l’acqua analizzata proviene da pozzi o sorgenti è necessario eseguire lavori di impermeabilizzazione del pozzo prima di consumare l’acqua e di dotarsi di un sistemi ad Osmosi Inversa.

Che cosa è:
E’ un metallo altamente malleabile e duttile presente nell’ambiente sotto diverse forme chimiche e in passato usato per le tubazioni dell’acqua. A partire dal 1930 la maggior parte delle tubazioni in Piombo sono state sostituite da materiali più inerti (es. plastiche).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La quantità massima di Piombo nell’acqua non deve superare i 10 μg/l.

 

Che cosa indica:
Elevati valori di Piombo nell’acqua indicano molto probabilmente una contaminazione di natura chimica derivata dall’erosione delle tubazioni. Tale fenomeno potrebbe riguardare sia le tubazioni della rete cittadina oppure quelle interne delle abitazioni se queste si trovano in stabili molto datati. Non si escludono contaminazioni di falda derivate da scarichi industriali. Il Piombo è inodore, insapore e incolore nell’acqua e quindi risulta, anche ad alte concentrazioni, difficile da rilevare se non mediante specifiche analisi. Questo metallo è inoltre molto solubile e quindi facilmente assorbibile.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
In caso di contaminazioni da Piombo verificate la natura delle vostre tubazioni domestiche; in palazzi d’epoca con numerosi piani e con rete idrica tortuosa è possibile che si determini un rilascio eccessivo di questo metallo in acqua. In tali stabili è possibile eseguire manutenzioni delle tubazioni seguendo tecniche innovative che permettono di stendere un rivestimento inerte all’interno dei tubi senza dover effettuare interventi invasivi sullo stabile. In alternativa è possibile adottare sistemi di trattamento delle acque.

Che cosa è:
Il Rame è un metallo duttile che può derivare dalle rocce del sottosuolo oppure da tubazioni entro cui scorre l’acqua. L’analisi consente di rilevare il Rame nella sua forma ionica ossidata (CU2+).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
La quantità di Rame presente nelle acque potabili non deve superare 1 mg/l.

 

Che cosa indica:
E’un indice di contaminazione chimica che può derivare o da agenti esterni o dalle tubazioni della rete domestica. Sebbene tra i metalli il Rame non sia tra gli elementi più reattivi e tossici, la presenza di tale metallo in quantitativi eccessivi al di sopra del limite di legge risultano tossici per l’organismo.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Verificate se ed in quale percentuale le tubazione delle vostra abitazione siano costituite da Rame. Verificate se vi sono cisterne di raccolta dell’acqua in Rame inclusa l’autoclave. In caso di valori elevati è opportuno confrontare i dati riportati dall’acquedotto sulla vostra bolletta con quelli rilevati nell’acqua della vostra abitazione; nel caso di grandi discordanze è opportuno far controllare lo stato della rete idrica domestica da personale qualificato. In alternativa è opportuno adottare un sistema di trattamento dell’acqua che sia capace di eliminare sostanze cariche di piccola dimensione come appunto i metalli attraverso un sistema ad Osmosi inversa.

Che cosa è:
È un batterio che vive nell’intestino degli animali, incluso l’uomo, dove svolge un ruolo importante per la digestione ed assorbimento del cibo. L’assunzione attraverso l’acqua di un’elevata quantità di Escherichia Coli può tuttavia determinare un’infezione con insorgenza di sintomi come diarrea e febbre.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
0 batteri in 100 ml di acqua.

 

Che cosa indica:
La presenza di Escherichia Coli nelle acque indica un possibile inquinamento di origine fecale che potrebbe provenire dal sistema fognario o dal contatto delle acque di falda con bacini inquinati (canali, fiumi, ecc) oppure derivare dalla rete idrica interna.
Considerando che alcuni ceppi di Escherichia Coli possono essere molto virulenti la legge in modo precauzionale stabilisce che la presenza anche di un solo batterio in 100 ml di acqua la rende “non idonea al consumo umano”.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Nel caso in cui sia stato rilevato Escherichia Coli nell’acqua della vostra abitazione vi consigliamo di:
– procedere alla pulizia di frangigetto e del rubinetto con soluzioni disinfettanti;
– se avete un autoclave precedere alla sua revisione e pulizia;
– se la contaminazione persiste eseguite verifiche sulla vostra rete interna e effettuate una procedura di disinfezione contattando personale specializzato.
– Inserire un sistema di disinfezione a Raggi UV oppure sistemi ad Ultrafiltrazione

Che cosa è:
I batteri Coliformi sono un gruppo molto ampio di microrganismi, di cui fa parte anche Escherichia Coli, derivanti sia da matrici fecali di animali e uomo, sia più in generale da suoli e acque contaminate. Molti di questi batteri non sono patogeni per l’uomo e per questa ragione la loro presenza non è necessariamente associata alla possibile insorgenza di malattie.

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):

0 batteri in 100 ml di acqua.

 

Che cosa indica:
La presenza di Coliformi nell’acqua può indicare una contaminazione esterna dell’acqua e/o una scarsa efficienza dei sistemi di disinfezione (es. poco cloro nell’acqua). Si sottolinea che la contaminazione può avvenire anche a livello della rete casalinga e condominiale (dalla rubinetteria o lungo le tubazioni se queste sono erose o rotte) e a causa di contatto con l’ambiente esterno inquinato.
In generale la presenza di Coliformi può indicare:
– contatto dell’acqua con l’ambiente esterno (es. contaminazione da terreni);
– contatto con materiale fecale (umano e/o animale) proveniente da fognature, scarichi superficiali, pozzi perdenti;
– inefficienza degli impianti di disinfezione.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Si sottolinea che la maggior parte di questi batteri sono innocui per il nostro organismo e che una loro moderata presenza (meno di 5-10 batteri in 100 ml di acqua) non compromette il consumo dell’acqua. In condizioni di contaminazione importanti è tuttavia consigliabile verificare la fonte di inquinamento. Nel caso della rete domestica potrebbe semplicemente essere ascrivibile ai rubinetti e ai frangigetti che andranno opportunamente disinfettati e mantenuti puliti.

La presenza di calcare sul frangigetto favorisce infatti lo sviluppo di batteri. Un’ulteriore fonte di contaminazione da Coliformi potrebbe essere l’autoclave. In tale caso vi suggeriamo di far intervenire un tecnico specializzato per attuare una disinfezione profonda.
Se oltre ai Coliformi è stata rilevata anche la presenza di Escherichia coli vi è la conferma di una contaminazione fecale in atto; in tal caso è necessario intervenire prontamente per comprendere se tale problema è ascrivibile alla rete interna oppure proviene dalla rete di distribuzione pubblica.

Nel caso in cui abbiate fatto analizzare acque di pozzo o di sorgente la presenza di Coliformi potrebbe derivare da diverse fronti; vi consigliamo di adottare sistemi di disinfezione idonee prima di consumare l’acqua installando un sistema di disinfezione a Raggi UV oppure sistemi ad Ultrafiltrazione

Che cosa è:
Gli Enterococchi sono un gruppo vasto di batteri molto diffusi in diverse matrici ambientali (acqua, suolo, ecc) e nell’intestino di numerosi animali incluso l’uomo. Sebbene il numero di Enterococchi nel materiale fecale sia inferiore a quello dei Coliformi essi sono più resistenti ai metodi di disinfezione dell’acqua e pertanto sono più persistenti.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
0 batteri in 100 ml di acqua.

 

Che cosa indica:
La presenza di Enterococchi può suggerire una persistente contaminazione fecale e/o ambientale dell’acqua anche dopo eventuali trattamenti di disinfezione e sanificazione. Essendo gli Enterococchi resistenti all’essiccamento sono anche usati per verificare l’idoneità della rete idrica domestica dopo interventi di riparazione o di posizionamento di nuove condutture. Tale parametro risulta pertanto estremamente utile per controllare le nuove abitazioni.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Nel caso in cui nel campione d’acqua fossero stati rilevati batteri Enterococchi e questo fosse ascrivibile alla vostra rete domestica interna è necessario eseguire un trattamento di disinfezione e sanificazione profondo rivolgendosi a personale qualificato. Se dovesse persistere la presenza di tali batteri nell’acqua anche dopo tale trattamento è necessario comprendere la sua origine. Se l’acqua analizzata proviene dalla rete condominiale sarà necessario eseguire più prelievi d’acqua ai diversi piani per verificare eventuali rotture e malfunzionamenti della rete interna. E’ molto raro che la contaminazione da Enterococchi possa derivare dall’autoclave ma è bene verificarlo con cura.

Se l’acqua che avete fatto analizzare proviene da pozzi o sorgenti private ed è stata rilevata la presenza di Enterococchi è assolutamente importante non consumarla e adottare sistemi di disinfezione consistenti, sistemi di dosaggio per una clorazione profonda, disinfezione a raggi UV oppure sistemi ad Ultrafiltrazione

Che cosa è:
La stima della carica batterica totale (numero di batteri presenti nell’acqua) rappresenta un metodo generico di analisi della qualità microbica dell’acqua. L’analisi viene svolta facendo crescere i batteri a 22°C allo scopo di valutare il numero di microrganismi che si sviluppano naturalmente nell’acqua a temperatura ambiente (20-25° C).

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
100 colonie in 1 ml di acqua.

 

Che cosa indica:
Il conteggio delle colonie batteriche a 22°C è un indicatore di scarso significato sanitario, ma è utile per valutare se l’acqua è soggetta a contaminazioni di natura ambientale. Questo può verificarsi in caso di reti idriche domestiche danneggiate o di autoclavi con acqua poco utilizzata e con scarsa manutenzione.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
La presenza di oltre 100 colonie a 22 °C indica contaminazione ambientale eccessiva e suggerisce la necessità di adottare procedure di disinfezione anche blande prima di consumare l’acqua. Ricordiamo che anche lo stesso frangigetto se non viene adeguatamente pulito può essere l’origine di tali contaminazioni in quanto i batteri ambientali possono contaminare il rubinetto.

 

Se i valori rilevati sono molto al di sopra del limite di legge vi consigliamo un controllo della vostra rete idrica interna. Se l’acqua analizzata proviene da un condominio e vi sono valori discordanti tra il primo e l’ultimo piano significa che la fonte di contaminazione potrebbe essere proprio la rete condominiale e/o i rubinetti delle abitazioni. Vi consigliamo quindi un trattamento di sanificazione della rete idrica.
Se l’acqua che avete analizzato proviene da pozzo o sorgente è piuttosto frequente che possiate avere un numero di batteri a 22° piuttosto consistenti. Se desiderate ridurle dovreste adottare procedure di disinfezione idonee con sistema di dosaggio per clorazione, oppure sistemi di disinfezione a raggi UV.

Che cosa è:
La stima della carica batterica totale (numero di batteri presenti nell’acqua) rappresenta un metodo generico di analisi della qualità microbica dell’acqua. L’analisi viene svolta facendo crescere i batteri a 37°C al fine di rilevare gruppi di microrganismi associabili ad una contaminazione di origine fecale.

 

Limite di legge (D. Lgs 31/2001):
20 colonie in 1 ml di acqua.

 

Che cosa indica:
La presenza di un numero elevato di batteri a 37 °C suggerisce che l’acqua è contaminata da materiale fecale o comunque di origine umana in quanto i batteri che crescono a tali temperature sono associabili all’uomo o agli animali a sangue caldo. In caso di valori fuori parametro è necessario verificare che non siano presenti né Escherichia coli né Enterococchi. Qualora fossero positivi anche questi valori si conferma una contaminazione fecale dell’acqua.

 

Cosa fare in caso di fuori parametro:
Nel caso in cui vengano rilevata la presenza di poche colonie batteriche a 37 °C inferiori ai limiti di legge o di poco superiori e i valori di Escherichia coli e Enterococchi siano negativi, non è necessario eseguire interventi di sanificazione sulla rete idrica domestica. Talvolta è sufficiente non una buona disinfezione dei rubinetti e pulizia dei frangigetti. Nel caso in cui anche solo uno dei due indici di contaminazione fecale (Echerichia coli o Enterococchi) risulti positivo si consiglia invece di verificare l’origine della contaminazione che potrebbe essere legata sia alla rete esterna sia a quella casalinga/condominiale. Controllate le autoclavi ed eventuali bacini di raccolta d’acqua. Adottare procedure di disinfezione idonee con sistema di dosaggio per clorazione, oppure sistemi di disinfezione a raggi UV.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Accetto la registrazione alla newsletter